super-ammortamento

Incentivi ad imprese e professionisti: risparmio di imposta col super ammortamento al 140 % per i beni strumentali

Incentivi ad imprese e professionisti: risparmio di imposta col super ammortamento al 140 % per i beni strumentali nuovi acquistati entro il 31 dicembre 2016. Uno sguardo particolare all’acquisto di veicoli.

La legge di Stabilità 2016 ha introdotto l’agevolazione del super ammortamento al 140% , misura che, con qualche piccola variazione verrà riconfermata con la prossima Finanziaria 2017.

Si tratta di una misura volta ad incentivare e stimolare le imprese all’investimento in beni materiali strumentali nuovi, acquistati in proprietà o in leasing, entro il 31 dicembre 2016.

Si specifica che, ai fini del super ammortamento, sono considerati nuovi sia i beni acquistati dal produttore che i beni acquistati da un soggetto diverso dal produttore e dal rivenditore, purchè il bene non sia già stato utilizzato nè dal cedente nè da alcun altro soggetto.

Restano esclusi dal super ammortamento i beni con coefficente di ammortamento annuo inferiore al 6,75%, gli investimenti in fabbricati e costruzioni e gli investimenti in beni di cui alla finanziaria 2016 (allegato 3).

L’agevolazione, che ricordiamo essere esclusivamente di natura fiscale e non contabile, spetta a tutti i titolari di reddito di impresa, ai professionisti con reddito di lavoro autonomo, alle associazioni tra professionisti e ai contribuenti in regime dei minimi residenti o con stabile organizzazione in Italia.

Restano esclusi dall’agevolazione i contribuenti in regime forfettario.

Gli imprenditori potranno pertanto beneficiare di una maggiorazione percentuale del costo fiscalmente deducibile, pari al 40% del costo di acquisto o del canone di leasing dei beni strumentali.

In tal modo, verranno imputate al reddito quote di ammortamento fiscale e canoni di leasing più elevati, il che si traduce sostanzialmente in un abbattimento della base imponibile e quindi in una minore imposta sui redditi.

La maggiorazione del costo d’acquisto dunque, produrrà i suoi effetti esclusivamente sulla determinazione delle quote di ammortamento e dei canoni di leasing

Per l’acquisto di beni strumentali con valore inferiore a 516,46 euro, si potrà dedurre dal reddito il costo, maggiorato del 40%, in un’unica soluzione.

Particolare attenzione merita il trattamento del super ammortamento e quindi della deducibilità dei costi inerenti i veicoli veicoli, aziendali o ad uso promisquo.

La maggiore deduzione fiscale delle quote di ammortamento riguarda infatti anche i veicoli ad uso promisquo, ossia i mezzi di trasporto a motore non utilizzate esclusivamente nell’attività di impresa o professionale.

In particolare, l’art. 164 TUIR fissa nella misura del 20% il limite di deducibilità per le spese delle auto ad uso promisquo, misura incrementata all’80% per veicoli ad uso promisquo utilizzati da soggetti che svolgono attività di agente o rappresentate di commercio.

Si specifica che le imprese individuali ed i professionisti potranno portare in deduzione, nei limiti di cui sopra, le spese inerenti un solo veicolo utilizzato promisquamente, mentre se trattasi di società di persona, spetta la deducibilità delle spese di un veicolo per ciascun socio.

Un’ulteriore precisazione riguarda il limite del costo d’acquisto dei veicoli, fiscalmente riconosciuto:

  • 18.076 euro per le autovetture e gli autocaravan, elevato a 25.823 euro per gli autoveicoli utilizzati da agenti o rappresentanti di commercio
  • 4.132 euro per i motocicli
  • 2.066 euro per i ciclomotori.

In particolare, il super ammortamento e dunque la maggiorazione del 40% verrà applicata al costo d’acquisto, se lo stesso si mantiene al di sotto delle soglie limite del costo fiscalmente riconosciuto; laddove invece il reale costo d’acquisto supera il valore soglia, la maggiorazione verrà applicata al valore soglia, fermo restando la percentuale di deducibilità del 20% e dell’80% per agenti e rappresentanti di commercio.

Es. Se il costo d’acquisto di un’autovettura è di € 16.500,00 (< 18,076.00 €), il costo fiscalmente deducibile ai fini dell’ammortamento sarà 23.100,00 €;

Se il costo d’acquiso di un’autovettura è di 24.000,00 (> 18,076.00 €), il costo fiscalmente deducibile ai fini dell’ammortamento è pari a 25.306,00 €; secondo la stessa logica, se trattasi di autovetture utilizzate da agenti e rappresentanti di commercio, il massimo costo fiscalmente deducibile ai fini dell’ammortamento è di 36.152,00 €.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *